Walk on Job

Impara un Passo alla Volta

Come Funziona il Fire Facial

L’elisir dell’eterna giovinezza. Le donne sembrano esserne sempre alla ricerca, anche a costo di sottoporsi a continui e anche pericolosi trattamenti. L’ultima moda viene dalla Cina e si chiama “Fire facial”.

Gli estetisti nei loro saloni offrono questo “terrificante” metodo, chiamato anche “fiamma sul viso” e noto come “Huǒ Liao” in cui vengono utilizzate fiamme libere per stimolare la rigenerazione delle cellule e rendere più giovane la carnagione. In cosa consiste? Viene applicato un panno imbevuto di alcol e uno speciale “elisir” per la pelle, prima di intervenire con il fuoco sulla parte. Si accendono così delle fiamme che spandono questo elisir su tutto il viso. Secondo l’Huffington Post il trattamento “stimola la pelle, apre i pori, cura cedimenti e rughe” mentre secondo alcuni può addirittura curare tutto, dall’obesità al comune raffreddore.

Un testimone diretto ha postato una foto della madre che si è sottoposta a questo trattamento: il viso della donna è coperto da asciugamani, con un unguento applicato sulla pelle. Secondo gli estetisti cinesi si tratta di un metodo sicuro se eseguito da mani esperte e la pelle, grazie a questo elisir, non viene bruciata ma solamente riscaldata. I pericoli, però, sembrano essere reali quando si tratta di fiamme libere e molte donne in Cina non hanno il coraggio di effettuare il trattamento. Jacob Teitelbaum, autore del volume “Real Cause, Real Cure”, ha dichiarato che non si farebbe mai il ‘Fire Facial’: “L’alcol vi aiuta a far penetrare l’elisir nella pelle, per cui io dico che il fuoco non è necessario. Tuttavia, il calore estremo innesca una risposta adrenalinica che può cambiare la chimica del vostro corpo, migliorando alcuni disturbi come l’indigestione e il metabolismo lento”.

Cosa non si fa per apparire belle e giovani! Questo vale specialmente da quando l’immagine ha sopravanzato qualsiasi altro fattore per la valutazione di una persona. L’importante è avere una immagine fresca e giovanile. Alla faccia del tempo che passa e dell’anagrafe che sancisce lo scorrere di giorni, settimane, mesi e anni. Non conta essere ma apparire, ma fino a che punto in nome di questa giovinezza si possono correre pericoli.

Luigi Russo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto